Il successo dell’edizione 23 a Mirco Savoldi

 

SAVOLDI-ritrattoIMG_6221Vittoria per il bresciano di Ghedi Mirco Savoldi alla 23^ Limabetone-Trofeo Fabio Danti, decima prova del Campionato Italiano Velocità in Montagna e valida inoltre per il 10. Challenge Velocità Polizie e per il 21. Challenge Scuderie FISA.
Il pilota della monoposto Reynard di Formula Nippon, portacolori della Vimotorsport, ha messo per la prima volta la propria firma sui tornanti dell’Abetone, nella sfida svoltasi oggi con una manche unica, grazie ad una prestazione comunque decisa della quale si è dichiarato, alla fine, soddisfatto, anche sotto il profilo cronometrico.Non ha riservato il classico colpo di scena, la LimAbetone edizione duemiladieci, con il favorito alla vigilia, il fiorentino Simone Faggioli, che ha terminato anzitempo l’impegno a causa di una “toccata” poco dopo aver oltrepassato la metà del percorso a Pianosinatico. La sua Osella FA30, con la quale quest’anno si è già aggiudicato il titolo continentale e sinora sette vittorie nel tricolore delle salite, si è danneggiata irrimediabilmente  con una sospensione costringendolo perciò alla resa.

IMG_6505Savoldi, che comunque era uno dei più validi accreditati al successo oltre a Faggioli, ha corso senza sbavature siglando un 4’20”21 sugli otto chilometri previsti, con una media di 110,679 Km/h. “Bisognerebbe proseguire con questo trend, con le vittorie  – ha detto Savoldi poco dopo avere appreso di essere il vincitore – nelle prossime gare spero di avvicinare ancora di più Faggioli. Nel complesso è andata bene, il tempo che ne è uscito mi va bene,  ma non siamo ancora a posto per come vogliamo”.

IMG_6479Seconda piazza per il concreto fiorentino di Galleno Michele Camarlinghi, con una Osella PA30. poco più di tre secondi il divario da Savoldi, per il portacolori della Villorba Corse, vale a dire 4’24”05 (a 109,070 all’ora di media). “Ieri mi sono “girato” – ha detto il pilota – ed  ho fatto tesoro degli errori fatti per fare bene oggi. Sono soddisfatto”.

IMG_6230Dietro alla monoposto a ruote coperte di Camarlinghi, completa il podio un’altra “ruote scoperte”, nello specifico la Lola B99-Zytec del pistoiese Franco Cinelli, con 4’25”53. Fuori dal podio la Gloria  C8 10P di Francesco Leogrande (4’29”13) e quinta è arrivata la nuova Picchio PA/E2 del trentino Cristian Merli, il quale ha proseguito quindi con successo nell’opera di sviluppo della vettura. Prestazioni di livello si sono avute dagli altri dentro la top ten: dai siciliani Vincenzo Conticelli (Osella PA20/S), Giovanni e Samuele Cassibba, padre e figlio, rispettivamente al volante di Osella PA 20/S BMW e Tatuus F. Master. Notevole anche l’esito abetonese del sardo Omar Magliona, figlio d’arte (Osella PA21) ed anche dell’altro pistoiese Luca Pacini, vincitore tra l’altro della edizione 1996 della gara. Era fermo da un anno ed al debutto con una non facile Lola B99-Zytec gemella a quella di Cinelli, con la quale ha chiuso decimo.

IMG_6104Il Gruppo A è stato appannaggio per il trentino Maurizio Pioner, alla guida di una Mitsubishi EVO IX. Ha fermato i cronometri su 5’08”09 con ampio margine sul secondo arrivato, il trevigiano “Romy” Dall’Antonia (5’12”34), con una Honda Civic, la cui prestazione è stata condizionata da un errore nella fase iniziale della sfida. Completa il podio l’Alfa Romeo 147 GTA Cup del marchigiano Ferdinando Cimarelli, con 5’17”0.
IMG_6055In Gruppo N podio completo marchiato Mitsubishi, nello specifico le potenti Lancer EVO IX a trazione integrale turbo del costruttore giapponese. Successo e record assoluto di categoria per l’abruzzese Roberto Chiavaroli con 5’00”62, con secondo arrivato l’altoatesino Rudi Bicciato il quale ha fermato i cronometri su 5’04”08. Terza piazza per il sempreverde Lino Vardanega. Il driver  trevigiano ha chiuso la salita in 5’07”45 pur compiendo alcuni errori di guida, come lui stesso ha ammesso. Problemi per il pugliese Oronzo Montanaro (Renault Clio), il quale ha “toccato” sull’anteriore nella parte finale del tracciato quando aspirava ad un piazzamento da podio, ed anche Serafino Ghizzoni (Honda Civic TypeR) ha sofferto per via di una partenza sbagliata, dopo la quale ha corso l’intera frazione condizionato dal nervosismo.
IMG_6134Il bolognese Fulvio Giuliani e la sua pluridecorata Lancia Delta Evo ha vinto il gruppo E1-Italia. Con 4’50”23 ha visto il successo su Roberto di Giuseppe e la sua Alfa Romeo 155 GTA (4’53”42) e terzo il livornese Franco Perini (Alfa 155 ITC) con 4’55”02.
IMG_6441Il marchigiano Leo Isolani ha portato alla vittoria nel Gruppo GT la sua ammiratissima Ferrari 575 GTC. Dopo una doppia manche di prove ufficiale di ieri passate a sistemare l’assetto della vettura, nonostante avesse oggi la febbre, ha avuto ragione in sicurezza (4’43”09 il tempo fatto registrare) del veneto Antonio Forato (Ferrari F430), con 5’03”68. Completa il podio delle supercar l’altra F430 del Cavallino affidata al reggiano ex rallista di livello “Ragastas”, portacolori del Team Bora, il quale ha fermato i cronometri su  5’08”70, lamentando una crisi di gomme nella parte iniziale del percorso dopo la quale ha proceduto per non prendere rischi.

Tutti i risultati a questa pagina del sito

Foto in azione nell’articolo di Paolo Grazzini/Cutigliano – www.vogliounafoto.it  mail: ciao@vogliounafoto.it