Meno tre! – 140 gli iscritti alla gara di sabato 28 e domenica 29

 

CAMPIONATO ITALIANO VELOCITA’ MONTAGNA TROFEO FABIO DANTI 23. LIMABETONEIMG_9339

Decimo e terzultimo round della serie Tricolore ACI Csai in programma questo fine settimana sugli otto chilometri del percorso tracciato della Montagna Pistoiese. 140 gli iscritti alla gara organizzata da Abeti Racing, tanti i campioni presenti a rinnovare sfide dall’elevato fascino sportivo.

Il ritorno di Mirco Savoldi, la confermata presenza di Cristian Merli, l’atteso Michele Camarlinghi, il forte Franco Cinelli, il funambolico Francesco Leogrande ed il campionissimo Simone Faggioli e poi tutti i protagonisti in lotta per il vertice tricolore delle altre categorie. Venerdì 27 le Verifiche Tecniche e Sportive, dalle ore 11 di sabato 28 le due manche delle Prove Ufficiali, dalle 11 di domenica 29 agosto il via dell’unica salita di gara.

25 agosto 2010. Meno tre. Mancano tre gare alla conclusione del Campionato Italiano Velocità Montagna 2010. Round decisivi per l’assegnazione delle corone e del titolo assoluto della serie tricolore ACI Csai: Trofeo Fabio Danti Limabetone, prova toscana in programma questo fine settimana; Pedavena Croce D’Aune, cronoscalata bellunese di metà settembre; Alghero Scala Piccada, salita sarda dei primi di ottobre a conclusione dell’intensa stagione. Gare dal risultato secco che designeranno i vincitori scegliendo tra i tanti candidati. Simone Faggioli, nel Gruppo E2M, Omar Magliona nel CN, Carlo Vellucci tra le E1 Internazionale sono i piloti che già hanno festeggiato il primo alloro di categoria, restano in ballo i trofei degli altri Gruppi e, soprattutto, il titolo assoluto CIVM.

La Limabetone è dedicata al campione toscano prematuramente scomparso, alla cui memoria Abeti Racing prevede l’esposizione e la sfilata delle vetture che il grande campione ha guidato nel corso della sua carriera, è gara che si svolge sugli ottomila metri del tracciato sulla statale che da Pontesestaione conduce alla sommità delle Regine – Abetone ed oramai pronta in ogni dettaglio per accogliere i 140 iscritti al grande evento tricolore. L’articolato programma prevede venerdì 27 le Verifiche dei concorrenti, a partire dalle ore 11 di sabato 28 i due turni delle Prove Ufficiali e domenica 29 agosto, sempre dalle ore 11, la disputa della 23esima edizione della competizione. Un’unica manche, una prova senza appello che richiede ai piloti nervi saldi e concentrazione

Sul tracciato di casa e con la Osella FA30 Zytek, il portacolori della Best Lap Faggioli ha la possibilità di ipotecare il titolo Assoluto centrando la nona affermazione Tricolore stagionale, dopo essersi assicurato il titolo europeo e quello tricolore del Gruppo E2M. Il campione toscano deve però controllare gli accresciuti avversari.
Al pisano Michele Camarlinghi, ottimo interprete della versione prototipo dell’ultima creazione di casa Osella, la PA 30 Zytek nei colori Villorba Corse, secondo assoluto ed in procinto di affermarsi nella E2B, si associa l’esperto pistoiese Franco Cinelli, terzo sul podio virtuale e sempre in grado di esaltarsi sul percorso dell’Abetone puntando alla vittoria con la Lola B99/50 Zytek Etruria.

Ma in questa occasione potrebbe essere il trentino della scuderia Ateneo Cristian Merli ad avvicinare le prestazioni di Faggioli, sull’onda dell’ottimo esordio a Gubbio al volante della Picchio P4E2, oppure il rientrante Mirco Savoldi. Ex campione della specialità e già protagonista della Le Mans Series, nonché formulista vincente, il bresciano della Vimotorsport piloterà una Reynard Formula Nippon. Ma tutti dovranno fare i conti con il pugliese Francesco Leogrande che potrà ovviamente dire la sua a bordo della Gloria C8 10P per rafforzare la quarta piazza in campionato e la leadership di classe 1600. Il rush finale ci sta regalando  intensi duelli per le leadership nelle classi 2000 e 1000: con il confronto tra il siciliano della Scuderia Ateneo Samuele Cassibba ed il sassarese della Speedway Sergio Farris, entrambi su Tatuus Formula Master 2 litri; nella classe minore il testa a testa è tra due piloti non presenti all’Abetone: il pugliese Giovanni Angelini, su Gloria C8 F Suzuki ed il siciliano Giuseppe Spoto su Speads Suzuki. Tra le biposto della classe maggiore, per il giovane Michele Camarlinghi non è ancora arrivato i momento di fregiarsi del titolo Giovanni Cassibba, infatti, dal secondo posto può ancora dire la sua con la Osella PA 20 BMW Ateneo mentre il siciliano della Monte Kronio Vincenzo Conticelli, terzo con la Osella PA 20 BMW, ha la sola possibilità di insidiare il secondo posto allo stesso conterraneo. Il Gruppo CN dei prototipi due litri ha il suo campione nel sardo Omar Magliona che, al volante della Osella PA 21 S Honda della Magliona Motorsport, ha dominato la categoria con sei centri regolando l’accoppiata su della Best Lap, entrambi su Osella PA 21 S Honda, composta dal giovane toscano Lorenzo Scotti e dal sardo Gianclaudio Dessì, non presente in toscana. Sempre d’elevato spessore agonistico ed altamente spettacolare sono i duelli tra i piloti delle vetture Grand Turismo e Turismo. Il passo falso commesso da Leo Isolani nella gara di Gubbio interrompe la lunga e positiva striscia di sei affermazioni ottenute con la Ferrari 575 GTC. Isolani intravedeva la concreta opportunità di contrastare la fuga in avanti del veneto Antonio Forato. Veloce e costantemente al vertice della Classe GT4, Forato prima al volante della Lamborghini Gallardo con la quale si aggiudicava le prime gare, in seguito con la Ferrari 430 Rubicone Corse tornava alla vittoria proprio al Trofeo Fagioli. Il veneto domina anche nella categoria GT4, inseguito da Sergio Santuccione con la Porsche 911 GT3 Cup Essetech e Serafino La Delfa con la Lotus Exige della Scuderia Etna. Il cosentino Giacomo Fiertler è ottimo terzo assoluto con la Ferrari NGT 360 Team Isolani, guidando la classe GT2, mentre è un altro Cavallino modenese a comandare le operazioni nella classe GT3 con l’emiliano “Ragastas”. Con un’altra Ferrari 430 schierata dal team Isolani, la friulana Elena Croce conduce la graduatoria “Dame” davanti alla forte trentina Gabella Pedroni, sfortunata protagonista con la Mitsubishi lancer di Gruppo N. Nella Racing Start è il bergamasco Mario Tacchini ad aver segnato punti utili per vincere il Gruppo con la Fiat Punto Sporting nei colori della Scuderia del Portello. Il laziale della Paragon, Carlo Vellucci ha portato all’esordio vincente nella E1 Internazionale la sperimentale BMW M3 3.2 E36. Marco Iacoangeli è il pilota che con la BMW M3 ha conseguito più allori stagionali nella E1 Italia, quattro, ma è Roberto di Giuseppe a condurre la classifica tricolore. L’esperto abruzzese ha incasellato due affermazioni a bordo della Alfa 155 Gta AB Motor Sport, al pari del bolognese Fulvio Giuliani che con la Lancia Delta Evo occupa la terza piazza ed ancora spera di restar aggrappato al podio. Chi invece non ha centrato alcuna affermazione, ma più volte clamorosamente sfiorata, è il partenopeo Luigi Sambuco leader della classe duemila con la Alfa Romeo 155 e gran secondo assoluto a sole cinque lunghezze e mezzo da Di Giuseppe.

La tranquillità non è di casa in Gruppo A, anzi, tra le vetture del Turismo preparato la situazione è estremamente vivace con ben sei piloti a spartirsi le affermazioni nelle singole tappe ed il giovane reggino Domenico Chirico è leader con la Peugeot 106 di classe 1600 nei colori della Ionia Corse, al voltante della quale ha vinto tre volte. Il calabrese deve però guardarsi le spalle dal ritorno del pesarese Ferdinando Cimarelli che con la Alfa 147 2000 vanta un solo successo ma diversi piazzamenti che gli consentono di essere secondo a ventiquattro punti. Primo della classe 2000 è il nisseno Salvatore D’amico su Renault Clio, il trentino della Mendola Maurizio Pioner conduce la oltre 3000 ed ha all’attivo due vittorie assolute con la Mitsubishi Lancer. Sono sempre tre i nominativi in lotta per il titolo del Gruppo N: Roberto Chiavaroli, pescarese della Best Lap con cinque centri e primo in graduatoria, ma insidiato dal friulano Michele Buiatti con la Honda Civic 2000, secondo a undici punti, e dall’altoatesino Rudi Bicciato su Mitsubishi Lancer della Mendola. Sempre veloce, Bicciato ha la stagione segnata da risultati altalenanti: o vince o si ferma per errori indotti da azzardate scelte d’assetto e, da primo in classifica che era, ora è terzo a tredici punti da Chiavaroli e con quattro vittorie, una meno del pescarese, ma quasi tutte ottenute sui tracciati più lunghi, Nissena a parte. Il terzo gradino del podio è di Gabriella Pedroni, grazie alle ottime perfomance con la Mitsubishi Lancer by Nocentini. Nella classe 1600 il brindisino Giovanni Lisi su Citroen Saxo Vts ha preso il largo in testa alla graduatoria, controllando il salernitano Angelo Marino, secondo con la Peugeot 106 R.
Approfondimenti, classifiche e foto anche sul sito www.acisportitalia.it.

 elenco_completo iscritti_storiche_2010.pdf 5.22 KB 25/08/2010, 22:26

Classifiche CIVM. Assoluta: 1 Faggioli punti 120; 2. Camarlinghi 87,5; 3. Cinelli 68; 4. Leogrande 38; 5. Bruccoleri 37. Gruppo E2M: 1. Faggioli 182; 2. Cinelli 117,5; 3. Leogrande 89. Gruppo E2B: 1. Camarlinghi 144; 2. Cassibba 87,5; 3. Conticelli 68,5. Gruppo CN: 1. Magliona 146; 2 Scotti 80,5; 3. Dessì 72,5. Gruppo GT: 1. Forato 151,5; 2. Isolani 114; 3. Fiertler 74,5. E1 Internazionale: 1. Vellucci 109,5; 2. Antonicelli 35; 3. Buttoletti 31. E1 Monomarca: 1. Cimbali 91,5; 2. Ronconi 42; 3. Forte 16. E1 Italia: 1 Di Giuseppe 117,5; 2. Sambuco 112; 3. Giuliani 108,5. Gruppo A: 1. Chirico116; 2. Cimarelli 91; 3. D’amico 75,5. Gruppo N: 1. Chiavaroli 146; 2. Buiatti 135; 3. Bicciato 133.
Calendario prossime gare Campionato Italiano Velocità Montagna 2010: 29 agosto 23^ Lima – Abetone Trofeo Fabio Danti (PT) – 12 Settembre 28^ Pedavena Croce D’Aune (BL) – 3 ottobre 54^ Alghero – Scala Piccada (SS).